PRESENTAZIONE VIDEOCLIP @ CASINA POMPEIANA

Vi aspetto domani alle ore 16.00 alla Casina Pompeiana sita nella Villa Comunale di Napoli per l’ultimo appuntamento del Maggio dei Monumenti dedicato alla promozione del mio videoclip “Il bacio del risveglio”… 🎶 🎬 📽️ 

Locandina small Shara 27 Maggio 2017 ok   Locandina small -Shara - 27 Maggio ok2

Video. Shara lancia Il Bacio del Risveglio: “Canto il rinascimento napoletano e il riscatto”

 

Un brano carico di sentimento e radici, di passione e riscossa. Si tratta del nuovo progetto di Shara, la cantautrice partenopea che sabato mattina ha presentato al Pan di Napoli il suo nuovo videoclip. “Il bacio del risveglio” , che ha avuto il patrocinio morale del Comune di Napoli, è un viaggio negli angoli della città in cui il tempo si è fermato e ha incontrato l’arte. E poi, la vibrazione onirica.

Un viaggio che, tuttavia, non racconta una fiaba, ma la realtà di Napoli e il suo caldo risveglio.

“Video e canzone diventano una cosa sola” secondo Michelangelo Iossa, giornalista e critico musicale, intervenuto alla presentazione del videoclip. Presente, inoltre, all’evento anche il regista del progetto Michele Pesce, professionista napoletano.

Shara wounded shoulders

Shara, se dovessi usare solo tre definizioni per riassumere il tuo intero progetto…?
Direi che il mio brano parlerebbe di un Viaggio nella storia di Napoli, di Rinascimento napoletano  e di Riscatto, in quanto il Bene vincendo sul Male fa affiorare la nostra verità.

Pertanto la parola “risveglio” nel titolo si riferisce al rinascimento che la città sta vivendo?
Si, il senso di Risveglio c’è tutto e lo vedo come un vero e proprio rinascimento napoletano, nel senso più ampio del termine. Dall’aspetto sociale, a quello culturale, fino a quello economico.

Il video è stato girato in diverse location della città: cosa ha guidato la scelta dei luoghi?
Le location rappresentano il perno del mio lavoro: l’intento è quello di mostrare quanta arte e quanta storia vivono all’ombra di questa Partenope che si sta finalmente destando.

Tra le location abbiamo, ad esempio, l’archivio storico di Napoli, il quale è stato molto rappresentativo della storia del Regno delle due Sicilie. Un documento prezioso del nostro passato, che purtroppo non tutti conoscono.

Oltre l’amore per la tua città, c’è anche il tuo lavoro all’estero e i tuoi viaggi passati: cosa porteresti in “valigia” a Napoli? Cosa manca di importante a questa città?
A Londra ho sperimentato la “fiducia” alla creatività che qui manca. Lì non mi sono mai sentita dire ‘ sì, fai la cantante, ma qual è il tuo vero lavoro?’ .

In Italia e non solo a Napoli manca il concetto del ‘sogno’, ossia costruire qualcosa di concreto su ciò che amiamo fare. Inoltre all’estero affidano incarichi prestigiosi anche a persone di vent’anni,  purché  si mostrino capaci. Quindi in valigia mi porterei la meritocrazia e il senso del ‘tutto è possibile’ . Se ci credi veramente, le cose accadono.

Shara - angel in theatre

Qual è, se esiste, l’artista napoletano che ha più ispirato il tuo lavoro? ovviamente, non necessariamente cantante o musicista…

Napoli è ricca di artisti. E li amo tutti. A Napoli quando si fa arte, la si fa con la “a” maiuscola.

Quindi Totò e Peppino, Pino Daniele e Troisi, Luisa Conte e Erri De luca. Potrei continuare all’infinito…

Le istituzioni hanno dato il patrocinio morale al tuo lavoro. E’ importante questa vicinanza. Tutti i cittadini dovrebbero sentirla, invece, soprattutto in periferia, si soffre dell’assenza delle istituzioni. Pensi che la musica, al contrario, può arrivare ovunque? Come?
La musica è condivisione. Attraverso essa si possono scambiare opinioni, progetti e idee. Il mio progetto “Vento del sud” aveva proprio questo scopo. Oggi è diventato, in effetti, una rubrica televisiva all’interno della trasmissione Mattina 9, in cui, assieme al mio compagno Salvatore Di Matteo, apriamo con molto piacere le porte ai colleghi e alle realtà che realizzano iniziative a sostegno della crescita di Napoli. Per quanto riguarda le istituzioni, sì esse dovrebbero essere più presenti perché è la sinergia tra le parti che crea una collettività felice.

Un’ultima curiosità (ritornando al videoclip): qual è la metafora delle cicatrici dietro la schiena che si vedono nel videoclip (e in foto)?
Le cicatrici sono ferite. Esse rappresentano ciò che ci è stato tolto e che invece siamo destinati ad avere, in quanto eredità di un popolo.

Shara presenterà il videoclip della sua nuova canzone in bellissime location di Napoli:

Sabato 13 Maggio ore 11.30
Complesso Monumentale si San Severo Al Pendino
Ingresso Via Duomo 286

Giovedì 18 maggio ore 21.00
CONCERTO VENTO DEL SUD
Teatro Il Primo Viale del Capricorno 4
per info 347/5523750

Domenica 21 Maggio ore 11.30
Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore
ingresso vico San Domenico Maggiore

Sabato 27 Maggio ore 16.00
Casina Pompeiana Villa Comunale di Napoli
ingresso da San Pasquale a Chiaia

Fonte:
http://www.vesuviolive.it/web-tv/media-video/194599-video-shara-lancia-il-bacio-del-risveglio-canto-il-rinascimento-napoletano-e-il-riscatto/

Oggi su Vesuviolive il trailer del mio nuovo videoclip!

Shara-Il bacio del risveglio

 

Sabato 6 maggio alle ore 11,30 presso il PAN, Palazzo delle Arti di Napoli si terrà la conferenza stampa di presentazione del videoclip musicale della cantautrice Shara intitolato Il bacio del risveglio.

Attraverso un fantastico viaggio onirico nel mondo delle immagini, in questa nuova produzione, l’artista (al secolo Sarah Ancarola) intende scoprire e mettere l’accento su quello che viene definito il “rinascimento napoletano” mostrando però il volto di una Napoli a tratti sepolta e sconosciuta ricca di arte e cultura millenaria.

L’incontro verrà moderato dalla giornalista Lorenza Licenziati nel quale interverranno: l’Avv. Alessandra Clemente, Assessore ai Giovani del Comune di Napoli; il Dott. Carmine Sgambati, Assessore alla Città Metropolitana di Napoli; la cantautrice Shara; il regista Michele Pesce; il giornalista e critico musicale Michelangelo Iossa; il Presidente dell’Associazione Base Condor Antonio Spagna ed il Vice Presidente del Cral Beni Culturali Antonio Fiore.

Il videoclip ha ottenuto il Patrocinio Morale del Comune di Napoli, atto voluto dal Sindaco Luigi De Magistris in persona.

Lo stesso è stato, inoltre, inserito dall’ “Assessorato alla Cultura ed al Turismo del Comune di Napoli” all’interno del programma del “Maggio dei Monumenti 2017”, iniziativa attraverso cui l’artista presenterà il videoclip in tre luoghi differenti della città. In ogni appuntamento, al termine della proiezione del videoclip, seguirà una breve performance musicale della cantautrice accompagnata dalla sua band.

Locandina-Shara- Conferenza 6 Maggio definitiva

Il videoclip è prodotto dalla Mediterranea e promosso dalla “Associazione Terronian”, in collaborazione con “Base Condor” ed il “Cral Beni Culturali”, è diffuso da Suono Libero Music di Nando Misuraca, etichetta che sta inoltre curando la diffusione del singolo nelle radio italiane.

Il videoclip, firmato da Michele Pesce, ha il suo perno centrale nelle location, accuratamente scelte da Shara, che restituiscono allo spettatore un’immagine di una Napoli lontana dalla classica iconografia “commerciale” regno di camorristi e di antichi luoghi comuni e dall’essere “Tramutata in una avvelenata terra”, come recita il testo della canzone.

LE LOCATION PRESENTI NEL VIDEOCLIP:
Archivio di Stato di Napoli, Bottega Artigiana Di Virgilio, Loggia del Priore della Certosa di San Martino, Chiesa di San Gennaro All’Olmo, Cimitero delle Fontanelle, Succorpo dell’Annunziata, Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore, Gran Caffè Gambrinus, Metropolitana di Napoli, Napoli Sotterranea, Parco Archeologico di Pausilypon, Pizzeria Di Matteo, Teatro Sannazaro.

Si ringraziano le seguenti istituzioni e realtà che hanno collaborato alla realizzazione di questo lavoro:
Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli, Associazione Base Condor, Associazione Cral Beni Culturali, Associazione Gaiola, ANM Metropolitane di Napoli, Archivio di Stato di Napoli, Associazione Domus Memini, Complesso Monumentale Di San Lorenzo Maggiore, Complesso Museale di San Martino, Comune di Napoli, Diccapp, Di Virgilio Arte Presepiale, Fondazione Giambattista Vico, Gran Caffè Gambrinus, Mart Dance Company, Massimo Argentiere Gioielli, Napoli Sotterranea, Neapolitan Sacred Art, Pensieroverde, Pizzeria Di Matteo, Polo Museale della Campania, Soprintendenza Archeologia della Campania, Susy Sposito Fashion Stylist, Teatro Sannazaro.

 

Trailer del videoclip “Il bacio del risveglio”

Fonte:
http://www.vesuviolive.it/ultime-notizie/194471-shara-presenta-suo-videoclip-bacio-del-risveglio/

 

Shara, il vento del Sud negli occhi e nel cuore

A leggerla sembra la pagina sottratta ad un romanzo, ma è la bellissima recensione-intervista realizzata dalla giornalista e scrittrice Rossella Oricchio. Un testo da leggere tutto d’un fiato! 📖❤️

 

Intervista di Rossella Oricchio
Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sopravvenuto un artista originale (Marcel Proust). Ci sono donne che cantano e ci sono donne che incantano cantando. Incantano per la loro bellezza, per i modi di porsi, per l’ impegno profuso, per la volontà di amare quanto di bello esiste al mondo e renderlo visibile agli occhi e al cuore. Shara non parla, canta direttamente anche quando parla. Il timbro di voce è accattivante già quando apre bocca e la sua leggiadria, unita alla passione per la musica c’è tutta nella perenne volontà di rigenerarsi, rinnovarsi e mettersi in discussione. Shara (Sarah Ancarola) è una cantautrice che ama fortemente il nostro meridione, in special modo la terra lucana e Napoli. Sembra uscire da un mondo fiabesco che si è cucito addosso o meglio, un mondo reale che ha saputo rendere fiabesco, perché ha saputo restituire alla sua terra un quid di mistico, surreale, una sospensione tra ciò che si è e si vorrebbe essere. Shara, di padre lucano (di Calvello), ama incredibilmente e profondamente la terra lucana: è attaccata alle sue radici quasi da fondersi con essa e da volerne diventare una componente assoluta. Respira tutta la natura, si mischia trasformandosi in essa nelle alterne stagioni, stando ad ammirare un fiore che spunta o un tappeto d’erba che cresce, un iris come un girasole. Sembra abbracciare i misteri della natura e dell’ uomo nelle sue composizioni musicali, che hanno uno spirito concreto ed evanescente nello stesso tempo, come se, una volta scritte, destinasse la parole al vento e alla luce dei giorni. L’originalità dei suoi testi rimanda a parabole antiche e moderne, storie di uomini e donne che vogliono costruire la loro vita per farne un tesoro da donare al mondo. L’impegno culturale che versa nel suo repertorio musicale è ammirevole per una giovane donna che ama così tanto il suo territorio, tradizioni, usi e costumi compresi. Ciò che affascina è anche una mistura con la sua vita attuale, poiché ora come ora vive a Napoli. Affascina il suo voler creare continuamente un nodo con i posti e i luoghi che l’hanno generata e vista crescere. A Napoli avverte sicuramente una responsabilità in più, perché Napoli, si sa, è una città ricca di contraddizioni, sfumature, misteri, colori e linee d’ ombra. Ma Shara scioglie i suoi capelli al vento, quel vento del Sud che riscalda la pelle ma che talvolta riserva anche folate gelide. Shara non poteva non diventare un’artista. E’ stata una bambina che ha ascoltato i suoni, assaggiato i sapori e odorato i profumi della sua terra tanto da diventarne parte integrante, assorbendoli sulla sua pelle come gocce di profumo che non va più via. Avendo modo di conoscerla più da vicino, mi viene voglia di dire che è la perfezione fatta donna, anche con tutti i pregi e difetti che ognuno di noi può avere. Non solo è molto bella fuori, dalle linee sinuose e i tratti mediterranei ma è anche molto bella dentro, per la sua anima, che diventa un coro a due voci. Questo perché sente il bisogno di cantare per sé e per dare il suo messaggio al prossimo. Sarah è carica di sentimenti buoni: è votata al bello, al buono e al giusto della vita. Lunghi capelli biondi e occhi scuri, è altrettanto ricca di colori nella sua spiritualità. Ha studiato a Napoli presso l’ Università Popolare dello Spettacolo e oggi è ideatrice del progetto territoriale che prende il nome di “Terronian Project”. E’ impegnata culturalmente e socialmente non solo per la sua Napoli ma anche per un diffuso senso di giustizia che sente scivolare addosso prima delicatamente come un petalo di un fiore che ti accarezza e poi come una tromba che sveglia le coscienze più addormentate, più rassegnate e disincantate. Forte personalità unita a gentilezza, passione, affabilità, generosità, versatilità, professionalità, che si uniscono ad una sensibilità artistica, in un iter, una scia luminosa, in un programma di vita che si porta dietro da tempo e che si chiama musica. Si trasferisce a Londra all’inizio del 2007 per lanciare il suo primo album “Pranava Rainbow” da lei stessa scritto e composto interamente in lingua inglese. Una autoproduzione ricca di sonorità: dal pop al gospel fino alla world music, con un marcato riferimento al genere etnico. Il 2011 è un anno di svolta: Shara mette in campo un progetto che prende il nome di “Terronian Project” per porre in luce iniziative ed eventi per la promozione e valorizzazione del nostro Sud. “Terronian Project” nasce come simbolo di riconoscenza nei confronti di personaggi noti che hanno reso lustro alle terre del Sud e personaggi ancora non troppo visibili che operano al fine di valorizzare e rendere migliori i territori meridionali. Il suo ultimo e recentissimo album è Vento del Sud. “Giorno”, “Il bacio del risveglio” e “Vento del Sud” sono stralci poetici misti alle sonorità e alla sua voce unica. Ad assisterla con amore e dedizione nel suo percorso musicale e progettuale è il suo compagno: Salvatore Di Matteo, discendente da una storica famiglia di pizzaioli, una tradizione familiare che ha inizio nel 1936 ( la pizzeria si trova in Via Tribunali, nel cuore del centro storico di Napoli).

E’ la musica che ti ha scelto o tu hai scelto la musica?

Ci siamo scelte reciprocamente e innamorate perdutamente.

Come e quando è nata la tua passione per la musica?

A dodici anni ho avvertito un forte trasporto per la musica, per questa forma d’arte che mi ha letteralmente rapita, ma anche protetta e amata. Difatti fui scelta per incidere un disco natalizio in una sala di registrazione di Napoli. Precedentemente, quando correva l’anno 1987, fui colpita dal concerto della star Madonna a Torino: fui attirata dall’ immagine che dava di sé e dal fascino che emanava… La musica divenne mia amica verso i sedici anni e da allora ho ascoltato di tutto ma ho iniziato a scegliere in particolar modo la musica gospel e la musica che si avvicina al soul…

Quando e in che modo è iniziato, poi, il tuo percorso musicale?

Ho iniziato il mio percorso musicale attraverso collaborazioni con gruppi e band emergenti non solo sul territorio locale ma anche a livello nazionale. Tanto per intenderci, ho iniziato a collaborare con artisti del calibro di Enzo Gragnaniello e Sasà Mendoza. Molto importante è stato l’ incontro con Valerio Semplici dei Black Box e con Alfredo Petroli ( produttore discografico di Alexia). Con quest’ ultimo ci fu una rivisitazione del brano “Like a vergin” di Madonna.

Impegnata culturalmente e socialmente, hai dato vita al progetto “Terronian Project”: quali finalità intrinseche si propone?

Il progetto “Terronian Project” nasce nel 2011 dalla volontà di unire la musica alle eccellenze del Sud. Un progetto volto a promuovere il nostro Sud attraverso la valorizzazione e promozione di ogni forma d’eccellenza: dall’ arte al cinema all’artigianato ai prodotti gastronomici attraverso manifestazioni ed eventi. Per fare ciò ci avvaliamo della partecipazione di enti ed associazioni culturali, poiché è molto importante creare una sinergia che possa andare al cuore del progetto. Ad esempio, per gli eventi realizzati dalla nostra Associazione Terronian ci siamo avvalsi della collaborazione di realtà associative quali l’Associazione Base Condor, organizzazione che si occupa di volontariato e supporto in attività creative di Napoli, Slow Tour Campi Flegrei, la Fondazione In nome della Vita, Casa di Tonia. Per quanto riguarda la realizzazione dei miei videoclip ho voluto coinvolgere realtà del territorio al fine di dar luce alle stesse e mostrare quante tradizioni e quanta cultura è presente qui a Sud. Tra queste vorrei ricordare i Non solo Gospel, il Gruppo folkloristico della Città dei trulli di Alberobello, la Mart Dance Company del coreografo Marco Auggiero, l’Associazione Sante Spine di Ariano Irpino.

Durante il “Terronian Festival” del 2012 hai proposto per la prima volta il brano “Vento del Sud”… canzone che ha dato nome all’EP di 6 brani nel quale sono presenti 4 inediti più la versione spagnola di uno di essi e la cover del brano “Guardastelle” dell’artista Bungaro.

Ho voluto rendere omaggio ad un grande cantautore nonché “poeta” del meridione italiano, Bungaro. L’album vede la sua prima pubblicazione in rete il 26 Gennaio 2016. Credo nel Sud e credo in ogni forma d’arte che deve essere valorizzata. La nostra è una terra ricca di idee, menti creative e prodotti d’eccellenza…Questo lavoro ha visto la partecipazione di molti musicisti noti del panorama musicale italiano tra cui Pasquale Faggiano che ha arrangiato l’intero EP, il chitarrista Carlo Fimiani, il bassista Aldo Vigorito, il batterista Vittorio Riva, il bassista ed arrangiatore Gigi De Rienzo, il polistrumentista Flavio Gargano, il violinista Gennaro Desideri ed altri ancora.

Prossimo evento che ti vedrà protagonista?

Il 29 Aprile terrò un concerto presso il Teatro “Il Primo” di Napoli e a maggio, in occasione del Maggio dei Monumenti, presenterò il videoclip legato al brano “Il bacio del risveglio”, quarto ed ultimo singolo estratto dall’album “Vento del Sud”.

Quanto c’è di Calvello nella tua musica?

Tanto…c’è la natura, ci sono i boschi, i profumi della legna bruciata e del mosto, dell’ erba appena tagliata e, per i vicoli, il profumo del pane…

Quanto c’è di Napoli?

C’è tanto ugualmente ma con Napoli vivo un dualismo. Napoli è il bene e il male, è croce e delizia, è sacro e profano, è ricca di sfumature e contraddizioni che cerco di assorbire ogni volta, ripromettendomi di scoprirle e comprenderle sempre più.

Che cosa racconti nella tua musica?

L’amore assoluto per ogni aspetto della vita. L’ armonia e la spiritualità. Cerco, comunque, di coniugare l’immagine al suono: l’ aspetto e impatto visivo sono importanti quanto la potenza della musica.

Come ti definiresti come donna e come professionista?

Come donna, determinata, ambiziosa, tenace; come professionista, mi piace essere completa, sono una perfezionista, non ho limite di tempo per un progetto che mi vede coinvolta… Sono una sognatrice con la scorza delle donne del Sud.

Che cosa ti dà la musica?

Mi libera il cuore, perchè sono convinta che il canto non può passare per la testa ma per il cuore…

La vita è…

Un volo dove la distanza non pone limiti a niente e a nessuno…

http://www.shara.it
http://www.terronian.com

 

Fonte:
https://comunicareblog.wordpress.com/2017/04/21/shara-il-vento-del-sud-negli-occhi-e-nel-cuore/

ATTIMI DI BACKSTAGE…

Riprese terminate. Grazie a tutti per esserci stati. 🎬🎥🎼🎵🎶
#shara #sharavoice #videoclip #ilbaciodelrisveglio #ventodelsud #teatro#performance #stage #palco #teatrosannazaro #napoli #musica #naples#magicmoments #music #shooting #ciak #film #cinema #movie #spotlight#theatre #lights #concert #singer #singersongwriter #reddress #fog

IMG_20170411_193054_382